STORIA DELLA CASA

Il soggiorno per anziani “Casa Don Dalmasso” fa parte delle attività della Parrocchia S.S. Pietro e Paolo di Bernezzo. La struttura, sognata dal parroco Don Bernardino Dalmasso, viene realizzata dal suo successore Don Gianni Rivoira nei locali dell’ex asilo infantile, lasciati liberi dal Comune il 30 giugno 1989;

L'immobile era di proprietà di un Istituto per l’Assistenza e Beneficienza (I.P.A.B.).

I lavori iniziati nell’anno 1991 furono ultimati nell’anno 1997 e la casa venne inaugurata il 31 marzo 1997 (lunedì di Pasqua) dal Vescovo di Cuneo, Mons. Carlo Aliprandi.

Inizialmente la casa, autorizzata per sole persone autosufficienti, ospitò, su richiesta dell’A.S.L. una quarantina di anziani dell’Ospedale di Busca (causa ristrutturazione della loro struttura) che rimasero per due anni.

In seguito l’Amministrazione chiese l’autorizzazione al funzionamento di un nucleo R.A.F. per non autosufficienti (ora R.S.A.).

Dal 1999 ripresero i lavori di ristrutturazione per l’adeguamento alle normative vigenti e, ultimati i lavori all’inizio dell’anno 2001, il 1° agosto dello stesso anno la casa viene autorizzata in regime definitivo nel modo così strutturato:

  • R.A.A. (alberghiero) N. 20 p.l.
  • R.A. (autosuff./parziali) N. 20 p.l.
  • R.A.F. ora R.S.A. (non autosuff.) N. 12 p.l.
    (in convenzione con l’A.S.L.)
Nell’anno 2009 è partito il progetto di domiciliarità “Veniamo a trovarvi” e nell’anno 2013 la casa è stata autorizzata anche per un Centro Diurno per persone autosufficienti per un totale di 20 posti.

La casa cerca di instaurare un corretto rapporto operatore/anziano, nel rispetto della dignità e della libertà personale dell’ospite.



Questo sito utilizza cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies. Maggiori informazioni.